top of page

COME INSEGNARE IL VALORE DELLA SOLIDARIETA’ AI BAMBINI.

D.SSA MIRIAM GUARRIELLO

PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA - IPNOTERAPEUTA.

Viviamo in una società individualista, dove generalmente ognuno pensa per sé, lotta per i propri interessi personali e non per un futuro comune migliore.


Diventa fondamentale quindi educare i bambini e i ragazzi ai valori, trasmettergli l’importanza della solidarietà, della cooperazione, della condivisione e dell’agire insieme, affinché possano divenire adulti migliori domani. In questo la famiglia occupa un ruolo centrale.


Considerando che la solidarietà è un valore che va coltivato, cosa possiamo fare noi per aiutare loro a svilupparla?


Tenendo conto che i bambini imparano per imitazione,

è attraverso l’esempio, che diventa facile trasmettere loro i valori. Quindi siamo noi genitori a dover dare l’esempio per primi, a fargli capire che “siamo tutti sulla stessa barca”.

Non pensare solo ai propri bisogni ma avere la volontà di aiutare gli altri permette di allargare i propri orizzonti.

Vediamo nella pratica quali accortezze possiamo mettere in campo in famiglia per crescere bambini più sensibili, empatici e collaborativi verso il prossimo.


  • Gli adulti significativi possono aiutare ad allenare e sviluppare l’empatia dei bambini, insegnando loro a mettersi nei panni degli altri. Per comprendere gli altri però, è necessario aiutarli a comprendere sé stessi.

L’empatia si insegna ai bambini parlando di emozioni.

La prima cosa, quindi, è lavorare sulle emozioni; aiutarli a riconoscerle, ad esprimere i loro sentimenti e le loro necessità, per poi poterle individuare negli altri.


Sollecitare i bambini a parlare di emozioni, aumenta molto la loro empatia.


  • Essere di esempio. Come detto in precedenza i bambini imparano da ciò che facciamo, dall’esempio che noi diamo, non da ciò che diciamo loro di fare. Il vostro atteggiamento permetterà ai vostri figli di capire la maniera corretta di comportarsi e relazionarsi con gli altri.

  • Stimolalo a collaborare nelle faccende domestiche quotidiane. Aiutare mamma e papà diventa un ottimo inizio per mettere in pratica comportamenti di solidarietà. Impareranno che la cooperazione è importante e appagante per tutti i componenti della famiglia.

  • Insieme a loro, attua piccole azioni di solidarietà, ad esempio: Aiutare un anziano in difficoltà a portare le buste della spesa, cedere il posto ad una donna incinta sull’autobus… Successivamente puoi chiedergli come si è sentito/a dopo aver aiutato una persona in difficoltà.

Molti studi hanno dimostrato che nel momento in cui sei solidale tendi a conseguire misure più alte di soddisfazione personale e di benessere.

  • Invitalo a dare via le cose che non usa più. Molte volte a casa accantoniamo oggetti che non usiamo più e che possono essere utili ad altre persone che ne hanno bisogno. Pur riconoscendo che non è facile separarsi da oggetti che sono stati speciali, è giusto darli ad altri che potranno farne uso. Insegnargli a sentirsi bene poiché hanno reso felice un altro bambino grazie, ad esempio, al loro giocattolo. Piccoli gesti che possono fare la differenza nei confronti di persone meno fortunate.

  • Insegnagli la condivisione. Ad esempio, a condividere la propria merenda con un suo amichetto oppure invitalo a condividere il suo giocattolo con i coetanei e divertirsi insieme. Fagli capire che la condivisione crea felicità. Inoltre, loda questi comportamenti solidali poiché questo permette di rafforzarli.

  • Educalo al rispetto delle differenze. Spiegagli che non siamo tutti uguali e che è proprio questa diversità che ci rende unici. Fagli capire che dalle differenze possono nascere nuove opportunità.

  • Incoraggialo a partecipare ad attività sportive di squadra: calcio, basket, volley. Sono discipline dove si incoraggia l’aiuto e la collaborazione per il bene comune, in cui il lavoro di squadra è più importante di quello personale.

  • Infine, puoi insegnare solidarietà a tuo figlio attraverso libri, favole, poesie, canti popolari, video. Possono essere utili strumenti quando si desidera iniziare a parlarne al bambino e sensibilizzarlo su un argomento.

I bambini con una mentalità aperta saranno più flessibili nella vita e in grado di affrontare i cambiamenti che questa metterà in serbo per loro con maggiore serenità e migliore capacità di adattamento. Inoltre avranno atteggiamenti e comportamenti meno egoisti con una grande spinta alla solidarietà.


37 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page